Crostata al Kamut

Qualche settimana fa ho partecipato ad uno degli ultimi corsi di cucina della stagione organizzati da Giorgia Lagosti, si intitolava “la frutta invasata” durante il corso Giorgia ci ha svelato tutti i segreti delle sue fantastiche marmellate alcuni dei quali potete ritrovarli sul suo sito, comunque durante queste poche ore di corso siamo riuscite a preparare una quantità incredibile di marmellate!! Ok la frutta era già tutta lavata ed eravamo tante a sbucciare quella che necessitava di esserlo, ma la velocita di preparazione di una marmellata con le sue tecniche mi ha lasciato basita!!!
Basta bolliture della frutta per ore e ore! Basta aggiunte di sostanze estranee! Basta pectine chimiche! Basta inutili bolliture dei vasetti nei pentoloni! Se vi organizzate bene in un paio di ore la marmellata è pronta! … così mi è venuta voglia di iniziare a produrne per le colazioni invernali! … ma non è di questo che vi volevo parlare, piuttosto vi volevo dare un’ulteriore versione della mia crostata “alternativa ma non troppo” che ho preparato per esaltare la marmellata di mele e rosmarino che a fine corso ci siamo accuratamente divise e portate a casa!!!!

La mia crostata ve l’ho già condivisa e la trovare qui
In questo post ve ne aggiungo un ulteriore versione con farina di Kamut
La farina di Kamut con la marmellata di mele è un abbinamento delicato, non aggressivo che ci permette di evitare la solita farina bianca super raffinata, ma non sovrasta il gusto della delicata marmellata di mele e rosmarino o di qualunque altra marmellata delicata. 
Per questa versione ho utilizzato inoltre lo sciroppo d’agave al posto dello zucchero (che comunque era già presente nella marmellata) lo potete trovare nei negozi tipo natura si o di prodotti naturali o bio sia in polvere che liquido, andranno bene entrambi, ma ne basterà un 20% di peso in meno rispetto alla dose tradizionale di zucchero, in più se usate quello liquido sarà necessaria un po’ di farina in più per evitare che l’impasto sia troppo morbido ed appiccicoso.

 

Crostata
Ingredienti alternativi 3

200g farina kamut
80g burro
60g sciroppo d’agave (in questo caso ho usato quello in polvere)
1 Uovo
Polvere di vaniglia
Buccia di mezzo limone
Pizzico di sale
La punta di un cucchiaiono di bicarbonato di sodio (opzionale)
Marmellata mele e rosmarino di Giorgia Lagosti.

Il procedimento è sempre quello mettete la farina in una ciotola mischiatela con la polvere di vaniglia, aggiungete gli altri ingredienti avendo cura di mettete: solo il giallo della buccia di limone, il sale sull’uovo e anche di aver ammorbidito il burro.

Il bicarbonato serve se preferite una crostata più morbida, meno biscottata, a me personalmente piace la versione biscottata friabile …. effetto biscotto con la marmellata, ma essendo questione di gusti potete provare ad aggiungerne una punta di cucchiaino e decidere che versione preferite!!!
Impastate con una mano velocemente fino ad ottenere una palla liscia che va lasciata 30 min. in frigo, passati i minuti il burro si sarà rappreso e sarà più facile stenderla.
Tenete da parte un po’ di pasta per fare le decorazioni e stendete il resto della pasta col mattarello per foderare la teglia con il giusto bordo per contenere la marmellata altrimenti si brucerà!
Stendete la marmellata mettere i decori e infornate a 180 gradi per 30/35 min
e buona colazione a tutti!

3 pensieri riguardo “Crostata al Kamut

  1. Prendo nota, ogni variante è ben gradita ed aumenta le possibilità di scelta, oltre a contribuire ad una alimentazione più varia e quindi più ricca e, se vogliamo, anche meno noiosa! Credi che dei fiori di rosmarino, freschi o caramellati, potrebbero starci bene?

ciao, sarò felice di leggere i tuoi commenti