Thailandia – Chapter 2 La cucina di Bangkok

Il primo obiettivo di questo viaggio era fare pace con la cucina di Bangkok e col cibo thailandese in genereale (spesso troppo piccante) così durante il tempo di attesa tra un volo e l’altro all’aeroporto di Abu Dhabi con un Wi-Fi gratuito e mentre io cercavo di recuperare il sonno perso durante il primo volo, la seconda Affa, cercando in pinterest tra le dieci cose da fare a Bkk, trova questo indirizzo!!!

http://bangkokfoodtours.com

Fantastico!! Così dopo un rapido consulto decidiamo essere un esperienza assolutamente da non perdere e prenotiamo immediatamente il nostro Bangkok food tours “Historic Bangrak” per la mattina dopo!!

Un itinerario di gusto e sapori alla scoperta della cucina di Bangkok del cibo casalingo pieno di sorprese dove per iniziare abbiamo gustato cosce d’anatra spennellata con salsa agrodolce e poi arrostita, maiale al barbecue (cotto avvolto in insospettabili interiora) in Charoen

maiale al barbecue

wieng road da Charoen wieng Pochana (tra l’altro nella strada del nostro albergo) Proseguendo verso la Lebua tower e appena di fianco ad essa in un “ristorantino” che somigliava più ad una mensa, abbiamo provato del buon curry

la cucina di Bangkok
curry rosso con
manzo o pollo

rosso con manzo o pollo e delle creps quadrate ripiene di carne e verdure che vanno mangiate con insalata di cetriolo e una salsa di peperoncini apposita (chiamate ma ta ba), accompagnati da the freddo e da un assaggio di cow brain (cervella di mucca), perché qui come in Romagna una volta, del maiale non si butta via niente, ma nemmeno della mucca o del pollo o…

Poi la spedizione si è trasferita dal molo 1 all’altra parte del fiume e appena scesi dal traghetto subito lungo la stradina stretta nemmeno a 50 metri (in un posto dove di nostra iniziativa non ci saremmo mai al mondo fermate) abbiamo gustato il miglio pollo fritto con lemongrass (una vera prelibatezza)
la cucina di Bangkok
pollo fritto con lemongrass al centro

che io potessi immaginare, insieme alla tanto decantata papaia salad, che per contro non ho gradito per niente (a destra nella foto), e al Maiale piccante con coriandolo (troppo coriandolo per i miei gusti) (a sinistra nella foto).

Su questo lato del fiume si gusta la cucina del nord est che insieme a quella del sud della Thailandia è la più piccante in assoluto! Qui la piccantezza si misura in peperoncini da uno a cinque e potete dire al cuoco quanto volete piccante il vostro piatto, ma andateci con cautela qui i peperoncini picchiano forte!!!!

Il giro continua tornando indietro col traghetto dove sul lato Bangrak appena prima dell’imbarco c’è una signora che frigge frutta e verdure (banana, patate, carote) in una pastella croccante coperta di sesamo!! Da provare!!!
Infine per concludere questo tour del gusto passiamo al dolce… in North station Road una pasticceria cinotahilandese ci propone

un panino dolce ripieno di una pasta ricavata da delle foglie dal gusto vanigliato accompagnato da thai the! Ma non paghi di essere arrivati al dolce gli assaggi sono proseguiti con un un altro curry verde e roti in versione thai, bello croccante e gustosissimo, al Kalpapruek in Pra-maon

la cucina di Bangkok
curry verde e roty

Road dove servono anche ottimi gelati dai gusti vari tipo cocco o tamarindo ecc, ma purtroppo per loro non è paragonabile quello italiano!

Da non scordare che durante tutto il tragitto la nostra guida Muu, si è fermata in varie bancarelle per illustrarci e farci assaggiare frutta e dolcetti prevalentemente a base di cocco!
Pace fatta con la cucina di Bangkok e non solo, il cibo thailandese è davvero gustoso e vario, anche se noi abbiamo problemi con la colazione, loro mangiano le stesse cose durante tutto il giorno e noi, io in particolare, non gradisco molto le uova la mattina, mi chiedo perché con tutta la frutta buona ed economica che hanno non possano preparare una colazione con frutta o magari dolcetti (dal momento che ne hanno tanti tipi)??? Si è vero, qualche albergo propone colazione con anche frutta, ma ai thailandesi non viene proprio in mente, loro la frutta la “sgranocchiano” come spuntino durante il giorno, la vendono in strada in sacchetti già sbucciata e tagliata per pochi thb!!!

2 pensieri riguardo “Thailandia – Chapter 2 La cucina di Bangkok

  1. :-O …. Ero convinta che gli itinerari del gusto fossero una tipicità italiana….. tutto questo buon cibo è un aspetto diverso da quanto ho sentito raccontare della thail., non esagerate però ehh;-) ;-)))

ciao, sarò felice di leggere i tuoi commenti