Pollo agli anacardi

Ormai conoscete la mia passione per il cibo Thailandese, potendo scegliere tra tutte le cucine asiatiche finisco sempre col scegliere quella Thai anche se tentenno un po’ quando tra le opzioni c’è quella giapponese, infondo in pesce crudo è l’altra mia passione in fatto di cibo!!!

La settimana scorsa le Affe, in crisi di astinenza da oriente, insieme ad un’amica si sono immerse nei colori, nei rumori e nei profumi del festiva d’oriente, a due passi da casa, alla Fiera di Bologna ….ed indovinate con quale cucina hanno soddisfatto il loro palato per il pranzo??? Beh, ovviamente con quella Thailandese!! …abbiamo trovato anche i nostri dolcetti preferiti i KANOM KROK (dolcetti a base di latte di cocco croccanti fuori e morbidi dentro) di cui abbiamo fatto il pieno! Ovviamente c’era molto altro, spettacoli stile Bollywood cerimonie del te, spezie di tutti i tipi, the per tutti i gusti e tanto altro, ma torniamo a noi, sull’onda di questa gita “in Asia” oggi vi dò la mia versione del Pollo agli anacardi, si perché dopo aver provato la versione originaria ho scoperto che per il mio gusto un paio di verdure in più ci stanno bene, rendendolo un piatto unico e completo! …. e aggiungo anche senza glutine!

Pollo agli anacardi


Pollo agli anacardi in stile Thai

tempo di preparazione: 15′  difficoltà: facile   tempo di cottura: 15′

INGREDIENTI (dosi per 1 persona)

ingredienti pronti per il Pollo agli anacardi

50 gr di petto di pollo/coscia, tagliati in piccoli pezzetti [alternativa vegetariana: Tofu]
1/2 spicchio d’aglio
1 cipolla tagliata in pezzi grossolani
1 carota tagliata o a rondelle o a julienne grossolane
1 o 2 funghi ostrica (detti anche sfinadrine)
2 cimette di rapa (nella versione originale loro mettono pannocchiette di mais io preferisco verdure varie)
2 cucchiai di  anacardi tostai (in alternativa è ottimo anche con le mandorle)
1 cucchiaio di olio di semi di girasole
1 cm di zenzero

Per condire:
1 cucchiaino di zucchero di canna integralesalsa per il Pollo agli anacardi
1 cucchiaino di salsa di pesce [vegetariana alternativa: salsa di soia]
1 cucchiaino di salsa di soia
1 cucchiaio di salsa di ostriche [alternativa vegetariana: salsa di funghi]
pepe macinato o peperoncino in polvere(opzionale)

Per l’accompagnamento usate del riso bianco semplicemente bollito, in thai si usa il jasmine o quello colloso, ma potete usare anche un ottimo riso delle nostre parti, io adoro il vialone nano della zona del mantovano!

PREPARAZIONE

Per prima cosa mettete l’acqua a bollire per lessare il riso.

Accendete il forno e potatelo a 150° vi servirà per tostare gli anacardi freschi, basteranno circa 5-8 minuti in forno, ma teneteli d’occhio o si tosteranno troppo!

Mentre il forno è acceso e l’acqua non bolle preparate gli altri ingredienti, tagliate le carote, la cipolla, le cimette di rapa, i funghi o qualsiasi altra verdura voi vogliate aggiungere e mettetele in una ciotolina, poi tagliate il pollo ( in alternativa potete usare anche il petto di tacchino) a pezzetti piccoli.

Quando l’acqua bolle salatela e aggiungete il riso (una tazzina da caffè per persona) portatelo a fine cottura mentre finite di preparare il resto del piatto.

Mettete nel wok l’olio, l’aglio e lo zenzero grattugiato e rosolateli assieme, poi aggiungete il pollo e portatelo a cottura.aggiungete la salsa al Pollo agli anacardi

Ora preparate il condimento unendo in una ciotolina zucchero, salsa di soia, salsa di pesce,  salsa di ostriche, pepe o peperoncino.

Aggiungete al Wok le verdure e fatele saltare qualche minuto, poi aggiungete il condimento e cuocere qualche altro minuto, per ultimi mettete gli anacardi, saltate il tutto ed il gioco è fatto il vostro Pollo agli anacardi è pronto!

Pollo agli anacardi

Questo sito è ospitato su SiteGround, se volete fare come me ed usufruire dell’offerta speciale “FATTI RACCOMANDARE DA UN AMICO” di sidegroud cliccate qui e buon hosting!!!!Web Hosting

4 pensieri riguardo “Pollo agli anacardi

  1. Il piatto ha come sempre un ottimo aspetto…gli ingredienti però tendono a ripetersi seppure con alcune variazioni. Sicuramente non conosco bene la cucina thai, ma la trovo un po’ ripetitiva anche se gustosa.

    1. In effetti le quattro salse sono la base per moltissimi piatti, con quelle si regola il principio dell’equilibrio tra agro, dolce, salato e piccante che è il pilastro della cucina thai! C’è di bello che una volta comprate le puoi usare in un sacco di varianti!!

ciao, sarò felice di leggere i tuoi commenti