Portogallo on the road da Porto a Lisbona, 10 cose assolutamente da non perdere

…seconda parte…

… proseguiamo il viaggio  Portogallo on the road da Porto a Lisbona, 10 cose  da non perdere; eravamo rimasti a Coimbra! Rimettendovi in strada in direzione Lisbona non esitate nemmeno un secondo a fermarvi a:

6) Tomar

tappa assolutamente imperdibile, qui si trova il Convento di Cristo fondato dal sacro ordine dei templari e il relativo castello. Probabilmente il luogo più suggestivo ed affascinante di tutto il Portogallo famoso per essere stato uno dei maggiori conventi templari di tutto lo stato è avvolto da un’ombra di mistero e suggestione. Considerate circa 4/5 ore per visitarlo perché compreso di giardini è davvero molto grande, tutto da scoprire e vorrete certamente non perdervi niente. Considerate inoltre che dentro al convento è molto fresco anche quando fuori ci sono una trentina di gradi, portatevi una maglia!

tafi6612Anche la città di Tomar merita una notte di soggiorno, se non fosse altro per andare a cena da Alminhas probabilmente il miglior ristorante in cui abbiamo gustato cibo portoghese durante questo viaggio (insieme alla taberna  Chiado a Lisbona vincitori a pari merito del premio miglior cena portoghese).

Nazarè7) Nazarè

cittadina di mare e di ex pescatori riconvertita al turismo marittimo, questa tappa vi permetterà di riposarvi del viaggio con un pomeriggio di ozio,  la spiaggia enorme è molto bella anche se molto ventosa, ideale per chi ama il kitesurf! Dopo la spiaggia  una passeggiata tra le sue stradine intricate, vi farà venir fame in vista dell’ottima cena di pesce da gustare all’imperdibile  A Tasquinha che si trova appunto in una viuzza del centro della parte bassa (quella dei pescatori),  lo riconoscerete perché è pieno a qualsiasi ora, probabilmente dovrete fare un po’ di fila prima di entrare, tranquilli l’attesa vale la pena e verrà ingannata da un bicchierino d’entrata offerto dalla casa. Non perdetevi le vongole ed il Risotto di crostacei. Per la colazione invece segnalo l’ottima pasteleria a baguette Pão Quente sul lungomare.

Altra tappa, altro monastero, dopo esservi riposati al mare vi aspetta un’altra imperdibile tappa di cultura:

8)  il Monastero di Alcobaça

ricco di storia e di suggestioni. Nonostante io avessi visto le fotografie, non  immaginavo che in Portogallo ci potessero essere monasteri così imponenti, visti dal vivo sono davvero molto più impressionati e affascinanti di quanto io vi possa far vedere con le mie fotografie o le mie descrizioni.

9) Obidos

perdetevi tra le intricate vie della pittoresca cittadina dai colori incredibilmente fotogenici anche in una giornata di nuvole, abbandonate le vie principali più caotiche e turistiche per perdervi nel dedalo che discende la collina, scoprirete angoli di vero Portogallo.

Il viaggio Portogallo on the road da Porto a Lisbona, 10 cose da non perdere si conclude a Lisbona, che ci accoglie con un arrivo al cardiopalma*.

10) Lisbona

la città è tutta  meravigliosa bisognerebbe restare un mese intero, ma dovendo fare una sintesi, secondo me, non dovete assolutamente perdervi:

  • tafi6905-1un giro su tram 28, magari al tramonto oppure di sera, c’è meno gente è meno caldo e la città è bellissima anche illuminata dalla luce della luna e dai lampioni!
  • mercati e mercatini in giro per la città (io li adoro mi ci perderei), il primo tra tutti il Mercato Ribeira per pranzare o per fare acquisti, di sardine o altri pesci in scatola da portare a casa  come souvenir gastronomici, ci sono anche vini di ottima qualità che troverete al prezzo migliore di tutto Portogallo! (questo però solo se imbarcherete il bagaglio, perché le sardine e tutte le scatolette pesano più 100gr e vengono considerate un liquido!). Altro tipo di mercatino ancora più caratteristico è quello chiamato  feira da ladra che si tiene il martedì e il sabato a fianco al Pantheon National, qui troverete artisti, artigiani, antiquari, gente che vende cose usate di qualsiasi tipo….. dico proprio di qualsiasi tipo, dai dischi vintage alle lavatrici di seconda o forse terza mano…. La domenica a Lisbona  ci sono anche mercatini  alimentari di vario tipo allestiti in stand in svariate piazze della città, dove si possono gustare ed acquistare prodotti tipici: formaggi, chorizo, scatolette di pesce anche bio ecc.

    dsc_4274Nel bighellonare per mercati e negozi non perdetevi un assaggio della ginja originale servita in un minuscolo negozio A Ginjinha do Largo de Santo Antonio e visto che siete in zona non perdetevi nemmeno un caffè con un dolcetto della Confeitaria national stupenda pasticceria d’epoca all’angolo di praça figueira e rua dos correirros ottima anche per fare colazione con croissant, pasteis de nata, torte e molto altro!

    … e mi raccomando non perdete l’ora del petiscos con la sangria anche bianca!img_20160624_222011

  • una gita di una giornata a Sintra è obbligatoria! …così tante cose da vedere e così poco tempo! Potrete arrivarci comodamente in treno poi giunti in città… esiste un bus circolare che fa il giro di tutti i siti imperdibili di Sintra, la città più cara di tutto il Portogallo! Essere città patrimonio dell’Unesco gli ha dato un po’ alla testa come dire, si approfittano un po’ dei turisti, anche se bisogna ammettere che è davvero un posto unico, per non dire strano. Tra coline verdi e palazzi principeschi a volte quasi surreali, il Palácio Nacional, il Castelo dos Mouros, ed il Palácio nacional da pena vi faranno percorrere numerosi km e bruciare innumerevoli calorie, mettetevi scarpe comode!
  • solo se andate in un periodo compreso tra il 1 giugno ed il 1 luglio allora non potete perdervi  la festa di sant’ Antonio al quartiere Alfama,  tutto il quartiere è allestito a festa con striscioni e festoni, chioschi, tavoli e barbecue in tutti gli angoli di strada dove si cucinano sardine buonissime, carne e chorizo alla griglia, anche se i prezzi non sono affatto popolari e il servizio sarà sicuramente pessimo (controllate bene il conto) una sera dovete assolutamente buttarvi nella mischia e ordinare le sardine!!
  • per ultimo, considerando che questo blog si chiama mangioviaggiando chiudo con un ultima imperdibile avventura gastronomica!!! Non mancate di andare a Belém, non tanto per il monastero che se avrete visto gli altri non è equiparabile per imponenza se non per la  facciata esterna e l’eccentrico stile manuelino dei suoi archi,  quanto piuttosto per assaggiare i pasteis de nata di pasteis de Belém proprio davanti alla fermata del tram.

*note e racconti viaggio nel prossimo post!!!

Portogallo on the road da Porto a Lisbona …l’avventura continua…

ciao, sarò felice di leggere i tuoi commenti