Napoli in quattro giorni. Prima mezza giornata

Un appartamento strategico dietro a piazza Plebiscito è il segreto per avere tutta Napoli a portata di piedi!

Così appena arrivate, intorno al mezzogiorno, appoggiamo le valige e via verso…. qualcosa da mettere sotto i denti!  E che credevate? Che saremmo partite alla scoperta di Napoli senza aver messo qualcosa nello stomaco? Prima tappa, fontana del carciofo “Antica pizza fritta di zia Ernestina Sorbillo”, la pizza fritta più buona che io abbia mai mangiato, ne avrei mangiato un’altra senza nemmeno pensarci, ma mi hanno frenato! poi un bel caffè nocciolato al “il vero caffè del professore” una libidine e adesso siamo davvero pronte per partire all’esplorazione!!  Il programma del pomeriggio stilato sul treno durante la mattinata, prevede di esplorare quanto più possibile i dintorni di casa!

  • Teatro San Carlo
  • Palazzo reale
  • Maschio angioino (castel nuovo)
  • Galleria Umberto I
  • Via Toledo
  •  Aperitivo
  • Cena tipica

Prima tappa a Napoli, Teatro San Carlo il più antico teatro dell’opera d’Europa, sul sito internet non avevamo trovato indicazioni in merito alla possibilità di visitarlo al di fuori dell’essere spettatore di un qualche spettacolo, ma sappiate che ad ogni ora è possibile partecipare ad una visita guidata che vi farà fare il tour del teatro e se siete fortunati potreste anche assistere alle prove di uno spettacolo in allestimento!  devo dire che in questo caso siamo state davvero fortunate c’erano le prove dell’opera Manon Lescaut e la guida ci ha lasciato per un buon quarto d’ora nel palco reale a gustarci le prove! Non male!!!  l’ulteriore fortuna è stata che mentre eravamo lì il direttore d’orchestra ha proposto dieci minuti di pausa ed il teatro si è illuminato e rivelandosi  in tutto il suo splendore!!! la fantastica combinazione delle due cose, non è garantito che succeda, ma in ogni caso l’esperienza vale la pena perché il teatro è favoloso e le prove completano ed arricchiscono l’esperienza!!!! Per noi è stata sicuramente è senza ombra di dubbio la visita più emozionante!!!

Il palazzo reale è bellissimo e il maschio angioino è il simbolo di Napoli,  ma per il Teatro San Carlo non ci sono sufficienti parole per descrivere l’emozione!!!

Per l’aperitivo prendiamo il famoso e ottimo Aspriz fatto con prodotti a km 0 da Ceraldi caffè in piazza della carità, da non perdere!

Per quanto riguarda la cena abbiamo voluto provare una trattoria molto, molto tipica e pittoresca: Nennella ai quartieri spagnoli, ovviamente il posto è gettonatissimo e un po’ di fila ci tocca,  ma vale l’esperienza caratteristica, il cibo non certo raffinato è per contro molto gustoso, fantastica la pasta patate e scamorza e i fritti tutti, dalle alici alla ricotta!  A Napoli friggono tutto con gran maestria, sapienza e soprattutto gusto finale!!!

Per quanto riguarda i prezzi vi dico solo che abbiamo speso di più per l’aperitivo che per la cena!!!!

 

POST su Napoli

Napoli in quattro giorni. Prima mezza giornata

Domenica mattina al Vomero Napoli

 

3 pensieri riguardo “Napoli in quattro giorni. Prima mezza giornata

  1. Non so quanto durerà la permanenza a Napoli, però vi segnalo la possibilità di fare un biglietto (valido 48 ore e al costo di 10€) che vi permette di visitare il Museo di Capodimonte, Castel S.Elmo, la Certosa di S.Martino e Villa Pignatelli. In più, vi consiglio la Cappella Sansevero con il “Cristo velato” e il complesso Donnaregina. Se vi trattenete fino al weekend, c’è anche l’associazione Insolitaguida che organizza passeggiate narrate per esplorare la città.

    Aspetterò di leggere il seguito.

    Flavia

ciao, sarò felice di leggere i tuoi commenti